Per quelli che in Babbo Natale ci credono per davvero

Per quelli che subito dopo il Ferragosto vorrebbero saltare direttamente alle feste di Natale il momento è quasi giunto. E se non fosse per il freddo sarei anch’io un membro affezionato di questa categoria. Ma in fondo cosa c’è di meglio del Natale se non l’attesa stessa del Natale, quando l’aria si fa calda perché accarezzata dalle mille luci della città, dagli alberi decorati nascosti dietro alle finestre, dalle idee che affollano la mente per cercare il dono perfetto e da quella spontanea carica di positività di cui si riempiono i cuori delle persone. Il freddo sembra meno freddo e le giornate corrono tanto velocemente da non lasciarci nemmeno il tempo di completare l’interminabile lista dei cosiddetti pensierini per amati, amici e parenti. In un modo o nell’altro questo periodo dell’anno mi riporta sempre all’infanzia a quando mi svegliavo il mattino del 25 dicembre e percorrevo il corridoio a piccoli passi… quasi intimorita dal non rompere l’incantesimo… immaginatevi se avessi beccato in flagranza Babbo Natale accovacciato sotto al mio albero?! Se da un lato sarebbe stato bello perché avrei potuto scattargli una foto da contest, da un altro punto di vista lo avrei smascherato e non so se mi avrebbe poi lasciato i doni. Allora cautamente percorrevo il corridoio piedino dopo piedino e la foto mentale la scattavo non appena intravedevo il magnifico scenario a portata di salotto. La timida luce del bianco mattino baciava le grandi bocce in cartapesta e le luci ad intermittenza non smettevano di danzare e di proiettare sulle pareti le ombre dei pacchi, nell’aria quel profumo di dolce bosco e di pigne appena colte diffuso dal maestoso albero sotto al quale si nascondevano i fiocchi più grandi che avessi mai visto. Pacchi d’ogni dimensione, avvolti in quella carta che sembrava filata dalle fate, mi attendevano ai piedi dell’albero raccolti in una perfetta combinazione. Un sogno a portata di mano, come essere in un negozio di giocattoli e raccolgiere i giochi bendati… qualsiasi cosa ti capita è semplicemente meravigliosa! E’proprio questa l’istruzione che vi voglio dare nel leggere questo post… se avete voglia leggete o passate direttamente alle immagini e poi chiudete gli occhi! Ora ditemi… a pensarci bene non vi sembra di sentire Babbo Natale che scende giù per il vostro camino ed il frusciare delle carte da regalo? Se la risposta è sì e perché voi nel Natale ci credete per davvero!

 

foto_blog_christmas_family_wien_fotografo_trento001foto_blog_christmas_family_wien_fotografo_trento002foto_blog_christmas_family_wien_fotografo_trento003foto_blog_christmas_family_wien_fotografo_trento004foto_blog_christmas_family_wien_fotografo_trento005foto_blog_christmas_family_wien_fotografo_trento006foto_blog_christmas_family_wien_fotografo_trento007foto_blog_christmas_family_wien_fotografo_trento008foto_blog_christmas_family_wien_fotografo_trento009foto_blog_christmas_family_wien_fotografo_trento010foto_blog_christmas_family_wien_fotografo_trento011foto_blog_christmas_family_wien_fotografo_trento012foto_blog_christmas_family_wien_fotografo_trento013foto_blog_christmas_family_wien_fotografo_trento0014foto_blog_christmas_family_wien_fotografo_trento015foto_blog_christmas_family_wien_fotografo_trento016foto_blog_christmas_family_wien_fotografo_trento017